Avraham Aviel, un ragazzo di Selvino scrittore ed editore

Avraham Aviel

Avraham Aviel è nato nel 1929  a Dowgalishok, un villaggio agricolo ebraico polacco (oggi in Bielorussia), da Moshe David e Sarah Mina che era nata Lipkunsky. Moshe David era un fabbro e Sara Mina proveniva da una famiglia rabbinica di Eišiškis, Lituania.

Alla fine del 1941, gli ebrei di Dugalishok sono stati inviati al ghetto di Radun.
Il 10 maggio 1942 Avraham, sua madre, i suoi fratelli e il resto dei residenti nel ghetto sono stati portati in una fossa della morte nei pressi del cimitero di Radun. La maggior parte di loro, tra cui Sara Mina e il giovane fratello di Avraham Yekutiel, vi furono fucilati a morte.
Avraham e suo fratello maggiore Pinchas riuscirono a fuggire e tornarono al ghetto di Radun. Ma due giorni dopo si nascosero nella vicina foresta, dove trovarono il loro padre che era fuggito con un gruppo di ebrei, mentre veniva portato a scavare la fossa.
Nel dicembre del 1942, Avraham e Pinchas incontrarono i partigiani di Dowgalishok e vennero attaccati dai tedeschi. Nella battaglia, Pinchas fu ucciso. Avraham e suo padre Moshe David trovarono un rifugio nel fienile di un contadino polacco.
Nella primavera del 1943 i due tornarono nella foresta.
Nel giugno del 1943, alla vigilia di Shavuot, Moshe David fu assassinato da polacchi.
Allora Avraham si unì ai partigiani ebrei nella Foresta di Nacza Grodno e combattè al loro fianco fino a quando l’area non venne liberata nel luglio del 1944.

Dopo la guerra, Avraham tornò a Dowgalishok e seppellì Pinchas nel cimitero di Radun.
Quindi viaggiò verso l’Italia e fu accolto a Sciesopoli nella casa dei bambini di Selvino, la colonia giovanile dell’Aliyah gestito da Moshe Zeiri, un soldato della Brigata Ebraica.

Nel luglio 1946, Avraham partì per Eretz Israel sulla nave Katriel Joffe, che venne catturata dagli inglesi e i suoi passeggeri furono reclusi a Cipro. Dopo il suo rilascio, Avraham riuscì a entrare in Eretz Israel e rimase con i membri della Youth Aliya al Kibbutz Mishmar Hasharon.

Avraham ha combattuto nella Guerra di Indipendenza, nelle battaglie lungo la strada per Gerusalemme.
In seguito si stabilì a Tel Aviv, dove ha lavorato nelle industrie militari e ha studiato economia e gestione del mercato.
Ha lavorato nell’editoria e ha fondato la casa editrice Beit Alim.

Durante la sua testimonianza al processo Eichmann, Avraham ha raccontato la storia degli ebrei di Radun.
In seguito ha pubblicato due libri sulle sue esperienze, e continua a raccontare la sua storia ad un pubblico vario.

Avraham ha sposato Ayala, anche lei una sopravvissuta all’Olocausto, una ragazza che aveva incontrato a Selvino.
Hanno tre figli e nove nipoti.

La testimonianza di Avraham è stata girata come parte del film “Testimoni e Istruzione“, una serie prodotta da Yad Vashem e dal Multimedia Center della Università Ebraica di Gerusalemme.

Freedom & Loneliness

“Libertà & solitudine,” di Avraham Aviel
Kotarim internazionale Publi, 2008 – 382 pagine

Maggio 1945. La seconda guerra mondiale si è appena conclusa. I pochi ebrei che sono stati rimasti a quel tempo in Europa, che sono sopravvissuti alle valli della morte e dei campi di concentramento, hanno fatto grandi sforzi per tornare alle loro case. Ben presto scoprirono che non avevano un posto dove tornare; le loro case erano state distrutte e le loro famiglie assassinate. Determinati a trovare una nuova casa, i “sopravvissuti” allo sterminio nazista hanno lottato per raggiungere le coste della loro antica patria: Eretz Israel. Tra questi Avraham Aviel, un Bambino di Selvino che ha lottato per raggiungere la  Terra Promessa.


n villaggio chiamato DowgalishokUn villaggio chiamato Dowgalishok: il massacro di Radun e Eishishok, di Avraham Aviel
Vallentine Mitchell, 2006 – 303 pagine

Questa storia unica e vera di un giovane ragazzo, descrive abilmente il piccolo borgo agricolo ebraico di Dowgalishok nella Polonia orientale (oggi Bielorussia) e le città vicine di Radun e Eishishok. Con un occhio amorevole per i dettagli circa l’atmosfera ebraica, si è condotti alla vita insieme con gli abitanti del villaggio, dai giorni agresti e sereni prima della seconda guerra mondiale sino alla sua improvvisa distruzione da parte del regime nazista. La prima parte del libro è una vivida descrizione della vita Yiddish ormai svanita per sempre.
La seconda parte è una testimonianza desolante di un sopravvissuto del ghetto e del massacro accanto alla terribile fossa della morte fuori Radun.
La terza e ultima parte del libro è la storia di ventisei mesi di fuga e di lotta per la vita, in primo luogo nei boschi tra i contadini e poi da partigiano, nell’antica foresta.
L’autore racconta la sua storia in uno stile semplice e scorrevole, creando sia una testimonianza personale che un toccante documento storico. L’edizione in ebraico del libro è stata ben accolta da molti critici, in Israele e in tutto il mondo, per la sua qualità profondamente commovente e per il suo valore documentale che fissa nel racconta uno dei capitoli più oscuri dell’umanità. Da non dimenticare!

Per ulteriori informazioni, clicca qui:
http: //www1.yadvashem.org/yv/en/remem

Indimenticabile visita a Selvino e Sciesopoli di Avraham Aviel con la moglie Ayala il 17 aprile 2016
ed i ciclisti Giovanni Bloisi, Daniele Cohen e Claudio Gabbai a Sciesopoli per non dimenticare la Shoah