Avraham Aviel, un ragazzo di Selvino scrittore ed editore

Avraham Aviel è nato nel 1929 a Dugalishok, un villaggio agricolo ebraico (oggi in Bielorussia), da Moshe David e Sarah Mina che era nata Lipkunsky. Moshe David era un fabbro e Sara Mina proveniva da una famiglia rabbinica di Eišiškis, Lituania.

Alla fine del 1941, gli ebrei di Dugalishok sono stati inviati al ghetto Radun.
Il 10 maggio 1942 Avraham, sua madre, i suoi fratelli e il resto dei residenti del ghetto sono stati portati presso una fossa della morte nei pressi del cimitero di Radun. Lì, la maggior parte di loro, tra cui Sara Mina e il giovane fratello di Avraham Yekutiel, furono fucilati a morte.

Avraham e suo fratello maggiore Pinchas riuscirono a fuggire. I due tornarono al ghetto Radun, ma due giorni dopo fuggirono nella foresta vicina, dove trovarono il loro padre. Era fuggito con un gruppo di ebrei mentre veniva portato a scavare la fossa.
Nel dicembre del 1942, Avraham e Pinchas incontrarono i partigiani di Dugalishok e vennero attaccati dai tedeschi. Nella battaglia, Pinchas fu ucciso.

Avraham e suo padre Moshe David trovarono rifugio nel fienile di un contadino polacco.
Nella primavera del 1943 i due tornarono nella foresta.
Nel giugno del 1943, alla vigilia di Shavuot, Moshe David fu assassinato da polacchi.
Allora Avraham si unì ai partigiani ebrei nella Foresta di Nacza Grodno e combattè al loro fianco fino a quando l’area venne liberata nel luglio del 1944.

Dopo la guerra, Avraham tornò a Dugalishok e seppellì Pinchas nel cimitero di Radun.
Quindi viaggiò verso l’Italia e fu accolto a Sciesopoli nella casa dei bambini di Selvino, un istituto giovanile dell’Aliyah gestito da Moshe Zeiri, un soldato della Brigata Ebraica.

Nel luglio 1946, Avraham partì per Eretz Israel sul Katriel Joffe, ma la nave venne catturata dagli inglesi e i suoi passeggeri inviati a Cipro. Dopo il suo rilascio, Avraham riuscì a entrare a Eretz Israel e rimase con i membri della Youth Aliya al Kibbutz Mishmar Hasharon.

Avraham ha combattuto nella Guerra di Indipendenza, nelle battaglie lungo la strada per Gerusalemme. In seguito si stabilì a Tel Aviv, dove ha lavorato nelle industrie militari e ha studiato economia e gestione del mercato. Ha lavorato nell’editoria e ha fondato la casa editrice Beit Alim.

Durante la sua testimonianza al processo Eichmann, Avraham ha raccontato la storia degli ebrei di Radun.
In seguito ha pubblicato due libri sulle sue esperienze, e continua a raccontare la sua storia ad un ubblico vario.

Avraham ha sposato Ayala, anche lei una sopravvissuta all’Olocausto, una ragazza che aveva incontrato a Selvino.
Hanno tre figli e nove nipoti.

La testimonianza di Avraham è stata girata come parte del film “Testimoni e Istruzione“, una serie prodotta da Yad Vashem e dal Multimedia Center della Università Ebraica di Gerusalemme.

Freedom & Loneliness

“Libertà & solitudine,” di Avraham Aviel
Kotarim internazionale Publi, 2008 – 382 pagine

Si è da maggio 1945; La seconda guerra mondiale si è appena conclusa. I pochi ebrei che sono stati lasciati a quel tempo in Europa, che sono sopravvissuti le valli della morte e dei campi di concentramento ha fatto grandi sforzi per tornare alle loro case. Erano ben presto a scoprire che avevano un posto dove tornare; le loro case erano state distrutte e le loro famiglie assassinato. Determinato a trovare una nuova casa, hanno lottato per raggiungere le coste della loro antica patria – Eretz Israel.

n villaggio chiamato DowgalishokA Village Named Dowgalishok: The Massacre at Radun and Eishishok,
Avraham Aviel – Vallentine Mitchell, 2006 – 303 pagine

This unique and true story of a young boy, skillfully describes the small Jewish agricultural village of Dowgalishok in eastern Poland (modern-day Belarus) and its neighboring towns of Radun and Eishishok. With a loving eye for detail the Jewish atmosphere is brought to life along with the village inhabitants, from the pastoral days before the Second World War to its sudden destruction by the Nazi regime. The first part of the book is a vivid description of Yiddish-kite that has vanished forever. The second part is a bleak testimony of a survivor of the ghetto and the slaughter beside the terrible death pit outside Radun. The third and last part of the book is the story of twenty-six months of escape and struggle for life, first in the woods among farmers and later on as a partisan in the nearby ancient forest. The author tells his story in a simple and fluent style, creating both a personal testimony and a historical document. The Hebrew edition of the book was well received by many critics, both in Israel and around the world, for its deeply moving quality as well as for its documental value as a record of one of the darkest chapters of mankind.

Per ulteriori informazioni, clicca qui:
http: //www1.yadvashem.org/yv/en/remem

Indimenticabile visita a Selvino e Sciesopoli di Avraham Aviel con la moglie Ayala il 17 aprile 2016
ed i ciclisti Giovanni Bloisi, Daniele Cohen e Claudio Gabbai a Sciesopoli per non dimenticare la Shoah